Skip to content Skip to sidebar Skip to footer
Rubrichelli #18 | Marlene
Sono davanti al computer senza sapere cosa scrivere. Questa volta sono senza idee, neanche una misera, piccola, inutile idea (e sono anche mostruosamente in ritardo con la consegna). Ho acceso Spotify e sto ascoltando Suzanne Vega quando arriva la sua voce, dolce, morbida, a cantarmi Marlene watches from the wall / Her mocking smile says…
Rubrichelli #17 | Billie e Nina
Ciclicamente arrivano periodi in cui mi sento una spugna: vorrei ascoltare, vedere, imparare di tutto. La mia testa non si ferma mai e poi mai (una fatica che non vi dico) e prova a sfruttare tutti i momenti possibili per leggere, sottolineare, conoscere, scrivere.
Rubrichelli #16 | Martedì
Febbraio è come il martedì, che fatica il martedì.
È il giorno della settimana che mi fa venire voglia di ascoltare Tenco, con le sue canzoni belle e crudeli. Non è affatto male, non fraintendetemi, anzi, ma rappresenta perfettamente la malinconia senza via di scampo di quel giorno messo in una posizione così ingrata: ancora più…
Rubrichelli #15 | Lo stomaco
Un giorno ho pensato di avere un animale nella pancia, un cane nello stomaco, un mostro forse. Sembrava che si muovesse da solo, senza avvertire, senza chiedere. Aveva fame, continuamente e di tutto: ansia, paura, felicità, qualsiasi cosa. A volte si faceva sentire più del solito, apparentemente senza motivo.
Rubrichelli #14 | Lucine
Dicembre è un po’ sinonimo di Natale e a me il Natale piace, mi piace proprio tanto. Vi raccontavo un anno fa che forse il vero motivo è che mi dà qualcosa da aspettare, in cui confidare, per superare l’inverno e il freddo. (…) “Luglio” e “dieci” si assomigliano, a guardarle bene: sono parole…
Rubrichelli #13 | La pazienza
Paziènza: Disposizione d’animo, abituale o attuale, congenita al proprio carattere o effetto di volontà e di autocontrollo, ad accettare e sopportare con tranquillità, moderazione, rassegnazione, senza reagire violentemente, il dolore, il male, i disagi, le molestie altrui, le contrarietà della vita in genere. * (…) “Luglio” e “dieci” si assomigliano, a guardarle bene: sono parole…